Flexible benefit 2019 per l’industria metameccanica


Dal 1° giugno 2019 le aziende dell’industria metalmeccanica, dovranno mettere a disposizione dei lavoratori strumenti di welfare del valore di 200,00 euro, da utilizzare entro il 31 maggio dell’anno successivo.

Dal 1° giugno 2019 previsti flexible benefit per un valore pari a 200 € per tutti i lavoratori dell’industria metalmeccamica, con contratto a tempo indeterminato non in prova, in forza al 1° giugno o successivamente assunti entro il 31 dicembre 2019 con contratto a termine e almeno tre mesi di anzianità anche non consecutiva nel periodo gennaio – dicembre 2019.
Tali strumenti di welfare sono aggiuntivi ad eventuali beni e servizi riconosciuti in azienda sia unilateralmente che per accordo collettivo (regolamento, lettera di assunzione o altra modalità) e sono utilizzabili entro il 31 maggio 2020.
Inoltre, tali flexible benefit possono essere volontariamente destinati al Fondo pensione nazionale di categoria Cometa oppure al Fondo di assistenza sanitaria integrativa Metasalute, attraverso il confronto con la RSU sono individuati i beni e servizi da erogare in relazione alle esigenze dei lavoratori, all’organizzazione aziendale o al rapporto con il territorio, finalizzati a migliorare la qualità della loro vita personale e familiare privilegiando quelli con finalità di educazione, istruzione, ricreazione e assistenza sociale e sanitaria o culto.
Non sono riproporzionati per i lavoratori part time, sono esclusi i lavoratori in aspettativa non retribuita nè indennizzata nel periodo 1 giugno – 31 dicembre 2019.
Il suddetto valore è onnicomprensivi ed espressamente escluso dalla base di calcolo del trattamento di fine rapporto.